6, 7 e 8 novembre 2020

Suor Angelica

Sassari, Ente Concerti Marialisa De Carolis


OPERA IN UN ATTO SU LIBRETTO DI GIOVACCHINO FORZANO MUSICA DI GIACOMO PUCCINI

  • SUOR ANGELICA – Maria Teresa Leva
  • LA ZIA PRINCIPESSA – Anna Maria Chiuri
  • LA BADESSA – Giovanna Lanza
  • LA SUORA ZELATRICE – Sara Rocchi
  • LA MAESTRA DELLE NOVIZIE – Lara Rotili
  • SUOR GENOVIEFFA – Elena Schirru
  • SUOR OSMINA – Chiara Tosi
  • SUOR DOLCINA – Laura Delogu
  • LA SUORA INFERMIERA – Vittoria Lai
  • PRIMA CERCATRICE – Rita Cugusi
  • SECONDA CERCATRICE – Laura Scanu
  • LA NOVIZIA – Elena Pinna
  • PRIMA CONVERSA – Margherita Massidda
  • SECONDA CONVERSA – Cristina Raiano
  • Direttore d’orchestra:  Aldo Sisillo
  • Orchestra:  Orchestra dell´Ente Concerti “Marialisa De Carolis”
  • Coro:  Gruppo vocale dell´Ente Concerti “Marialisa De Carolis”
  • Costumi: Filippo Guggia
  • Scenografia: Maddalena Moretti
  • Regia: Giulio Ciabatti
  • Luci: Tony Grandi

Recensioni

…La bacchetta di Aldo Sisillo, alla guida della Orchestra dell’Ente Concerti “Marialisa de Carolis”, almeno a giudicare dall’ascolto in streaming, sembra puntuale e attenta alle risorse del dramma, colorando la musica di Puccini di quel grigiore che avvolge le volute di questo convento di dolore, dove espiazione o assoluzione non sono possibili ma restano, pur con impennate che qua e là l’orchestra si concede, ascritte in un limbo di soave mestizia e di incompiuta catarsi salvifica adeguatamente sottolineate a conclusione dell’opera.
Al termine della recita gli artisti appaiono uno ad uno al proscenio del teatro vuoto, in un sospeso silenzio, come a ricevere idealmente gli applausi di ognuno di noi da casa, per una serata che, in questi momenti bui, conferma la volontà di molti teatri italiani di non fermarsi e di continuare la loro “missione” culturale e formativa. Perché, sia chiaro, di missione si tratta, non di “intrattenimento”, come si è malauguratamente sentito spesso ribadire a sproposito.

Alessandro Mormile
Connessi all’Opera – Vai alla pagina

 

Sempre per quanto si possa capire dall’ascolto pur di ottima qualità dello streaming, la direzione di Aldo Sisillo è molto attenta a cercare di realizzare tutte le nuances che una scrittura come quella pucciniana sa offrire, ricercando le atmosfere del canto di conversazione della prima parte e non premendo troppo sul pedale del gigantismo sonoro nella seconda: non possiamo essere sicuri di quanto il rapporto buca-palcoscenico non ne esca sbilanciato dal vivo, ma possiamo dire con certezza che sono stati assicurati compattezza e precisione.

 

Domenico Ciccone
Operaclick – Vai alla pagina